Quelli ĺà evidenza

La cura e la passione dietro a un libro di qualità: Quelli là di Teresa Porcella e Santo Pappalardo, Bacchilega Junior

Quelli là libro

Prima di presentarvi il prossimo libro – adatto ai bambini a partire dai due anni – voglio raccontarvi qualcosa della casa editrice che lo pubblica: Bacchilega Junior.

Quando insieme alle mie bambine prendiamo in mano un libro, ci soffermiamo ad osservare la copertina non solo per leggere il titolo ma anche per conoscere gli autori e la casa editrice. Dietro un prodotto editoriale di qualità c’è infatti un duro lavoro di selezione, scelta e impegno, di tante persone che mettono al centro di tutto il bambino, distaccandosi spesso dalle mode commerciali del momento.

Bacchilega Junior è il marchio della cooperativa di giornalisti Corso Bacchilega di Imola per la pubblicazione di libri per bambini e ragazzi. Ogni anno pubblica circa sette novità che vanno ad aggiungersi ai libri già a catalogo. Ogni fase della creazione del libro viene accuratamente studiata, e fondamentale è il lavoro dell’editor di questa collana Junior, Angela Catrani, che seleziona i testi e le immagini che poi passano per le mani del grafico che crea l’impostazione finale. Il lavoro però non è tutto qua. Per avere un prodotto finale di valore vengono scelti con meticolosità anche la carta, l’inchiostro, la copertina e quale brossura usare.

“Quando si tiene in mano un libro vengono coinvolti tutti i nostri sensi, per questo si sceglie con attenzione ogni elemento che lo compone per suscitare quell’emozione specifica che solo il libro può dare”, dice Alice Monti di Sab, Stampa Artigiana Bolognose che si occupa – tra le altre cose – dei libri Bacchilega Junior.

Viene quindi scelta una carta di qualità, che indipendentemente dal clima, risulti facile da lavorare e non si danneggi nei processi produttivi. La carta usata è prodotta inoltre con alberi provenienti da foreste gestite secondo i principi di salvaguardia dell’ambiente.

Dopo questo lungo viaggio ecco che il libro arriva negli scaffali delle librerie, ed è a questo punto che ogni genitore ha la possibilità di scegliere fra le varie proposte – che sono sempre più numerose – quella meno banale e più adatta a stimolare la curiosità del proprio bambino. E questo perchè il libro non è solo un oggetto con il quale cacciare la noia di una giornata piovosa, ma ha in sè un potenziale enorme. Un buon libro può diventare uno strumento capace di ampliare gli orizzonti del piccolo lettore, incidendo sulle sue capacità cognitive, sul suo modo di vedere il mondo e di conoscere sè stesso e gli altri.

Scrivendo ho fatto di quella che doveva essere un’introduzione, una parte consistente di questo pezzo, perché spesso mi lascio trasportare dalla mia passione che come un fiume in piena mi travolge sviandomi dall’idea di basarmi su una traccia premeditata nella stesura dell’articolo. E adesso… vi presento il libro che vi ho promesso: Quelli là di Teresa Porcella e Santo Pappalardo (Bacchilega Junior, gennaio 2019).

Quelli là righe e pois

Teresa Porcella, che ha curato il testo, si è laureata in Filosofia del Rinascimento a Firenze, dove si è poi specializzata in progettazione editoriale. Ha studiato inoltre violino e canto. Ormai da molti anni si occupa di libri per bambini e ragazzi come autrice, editor, traduttrice, formatrice, docente, curatrice di collane e libraia. Di questo libro ha creato anche una canzone divertente e dal ritmo ben scandito.

Santo Pappalardo vive e lavora a Catania ed è illustratore, incisore e fotografo. In ogni suo lavoro sperimenta tecniche nuove e diverse: dalle più tradizionali come acquerello, aerografo, incisione, alle più innovative applicazioni di computer-graphic.

Quelli là certo odore

Il formato di questo libro è quadrato, maneggevole, con le punte arrotondate e le pagine resistenti.

Il testo è in rima e le immagini hanno colori pieni e contorni ben definiti in modo da essere ben comprensibili dallo sguardo dei più piccoli che vengono catturati dall’unione tra rime buffe e disegni di animali. Il libro presenta infatti tanti animali diversi che in natura possono avere davvero il manto bianco e/o nero. Insieme ai bambini ci si può divertire a indovinare i nomi di tutti gli animali, a imitarne il verso (quello del formichiere lo conoscete?!) e a ballare e cantare con la canzone scaricabile inquadrando il QR Code sulla quarta di copertina.

Se vi incuriosisce conoscere tutti i libri presenti nel catalogo di questa casa editrice vi consiglio di dare un’occhiata al link www.bacchilegaeditore.it. Le informazioni all’inizio dell’articolo sono tratte da La bottega delle parole, supplemento al n.7 del 21 febbraio 2019 di Sabato Sera.

Buona lettura! 😊

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...