Con le mani nella terra evidenza

Parlare di ecologia ai bambini… Con le mani nella terra

I libri sono per me uno strumento essenziale per guardare il mondo insieme alle mie bambine. Dopo aver letto un bel libro nascono spesso discussioni, domande, riflessioni sulla realtà che ci circonda. Partiamo così da pagine e parole per poi sperimentare, guardare, scoprire cose delle quali poteva sfuggirci l’importanza.

L’ecologia è uno di quei temi importanti che senza un aiuto potremmo avere difficoltà a spiegare a un bambino. Perchè trattare con loro un argomento così complesso?

Personalmente voglio che le mie bambine imparino sin da subito a prendersi cura dell’ambiente, e in verità ponendo qualche breve base teorica affiancata da tanti esempi pratici, l’ecologia può diventare quasi un gioco. E si sa, per i bambini non c’è niente di più serio che giocare.

Con le mani nella terra. Alla scoperta del mondo vegetale di Emanuela Bussolati è un libro di Editoriale Scienza (aprile 2019) che ben si presta a questo compito, cioè a parlare ai più piccoli del rapporto tra gli esseri viventi e l’ambiente. Fa parte della collana di divulgazione scientifica I libri dell’Orto, realizzata in collaborazione con l’Università di Padova. Questa collana è dedicata alle tematiche attorno a cui si è sviluppato l’Orto botanico di Padova, che risulta essere il più antico al mondo e che ha contributo allo sviluppo di diverse discipline scientifiche moderne, come la botanica, la chimica, la medicina e la farmacia.

Il motore del mondo

Pensa, una mattina, di svegliarti in una foresta. Senti profumi sconosciuti, vedi fiori meravigliosi, foglie di ogni forma… Ti accorgi in un attimo che il verde non è un colore ma infiniti colori. Senti un gran brusio di insetti, rumori di balzi, di strofinii… E ti rendi conto che la vita animale è strettamente connessa a quella vegetale.

L’inizio del libro è già un invito a sintonizzarsi con la natura per osservare e sentire. I vegetali sono il vero motore del mondo, in quanto producono ossigeno, regolano il clima e sono alla base della catena alimentare; la nostra vita è quindi profondamente legata alla loro presenza.

Il motore del mondo

Ma come funziona il mondo vegetale? I bambini sono curiosi e vogliono saperne di più. Il libro non è un elenco di concetti da imparare a memoria ma invita il lettore a porsi domande, alle quali trovar risposta nell’ambiente che lo circonda.

La vera centrale di energia delle piante (e della Terra) è la foglia, le cui nervature, oltre ad apportare sostanze nutrienti alla lamina (la parte appiattita della foglia), ne costituiscono la struttura architettonica.

Le foglie catturano la luce, e nelle piante avvengono processi importanti come la fotosintesi clorofilliana. Con Ginevra ci siamo divertite a osservare come ogni foglia è diversa dall’altra e abbiamo fatto un fogliario. Se volete sapere come farlo vi invito a dare un’occhiata al libro. 😉

Un’altro importante concetto è quello dell’adattamento. Per riuscire a sopravvivere i vegetali si sono differenziati tra loro: ci sono alberi, arbusti ed erbe, e la parola d’ordine è fantasia.

Phyllostachys bambusoides, il bambù gigante, è un erba ma è alta come un albero!

Il nome delle piante è anche legato a quello di personaggi storici per i più svariati motivi: Marco Polo andò alla ricerca di spezie, Johann Wolfgang Goethe si fece ispirare per una poesia, Plinio il Vecchio scrisse un libro di Storia Naturale…

Chi sarà il prossimo a farsi ispirare dalle piante? Forse proprio il piccolo lettore di questo libro. Si continua poi parlando del sistema di classificazione, di impollinazione, dei semi, della terra e delle radici. Il tutto è arricchito da immagini immediate ma precise, e da piccoli esperimenti. Beatrice mi ha costretta a uscire nonostante piovesse a dirotto per acquistare un avocado in modo da poter mettere il nocciolo in acqua. Abbiamo così imparato insieme ad aspettare per veder crescere le radici, perchè in natura ogni cosa ha il suo tempo.

Esperimenti

L’ultima parte del libro è costituita dalle Pagine verdi… per fare! e da un breve glossario.

È davvero ora di mettere le mani in terra per coltivare qualcosa. Bisogna prima di tutto seminare. Scegli i semi delle piante più veloci a germinare, come i semi della nespola o del limone.

Munitevi allora di alcuni vasi, un po’ di terra, alcuni semi e… tanta pazienza per vedere le piantine germogliare. Gli esercizi pratici proposti in queste pagine sono alla portata di tutti i bambini, in quanto non serve avere un giardino per realizzarli, ma basta anche un terrazzo o un davanzale. L’importante è avere voglia di imparare a osservare e a prendersi cura anche di un piccolo seme, che custodisce in sè la vita. Qual è la luce giusta per la nostra piantina? Di quanta acqua ha bisogno?

Insegnamo ai nostri bambini che conoscere le piante e proteggerle è un dovere di tutti. Il mio consiglio è di trasmettergli questo messaggio facendogli capire quale tesoro esse siano e questo libro ben stimola la curiosità dei più piccoli e la loro voglia di mettere… le mani nella terra.

Età di lettura: dagli 8 anni.

Potete andare al link Con le mani nella terra, e trovare ulteriori informazioni sul libro e su tutte le novità di Editoriale Scienza.

Buona lettura e buon divertimento!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...