Un cielo di lentiggini evidenza

Un cielo di lentiggini: un invito a giocare con l’immaginazione per conoscere se stessi e gli altri

Un cielo di lentiggini quadrato

Non sono pronta… Non sono per niente pronta. Quando diventi mamma ti trovi tra le mani un piccolo fagotto che piange e ha bisogno di te e già in quel momento non è facile, ma poi pian piano prendi il ritmo. Passi le notti cercando di chiudere gli occhi almeno un paio di minuti mentre lo (o la) allatti e proprio quando ti sei addormentata ecco che iniziano loro… le coliche. E allora ti alzi, lo (o la) culli, o provi a massaggiare delicatamente il pancino. Poi ci sono i cambi di pannolino, le prime pappe. Insomma in qualche modo diventa tutto una specie di routine, stancante e allo stesso tempo incantevole.

Almeno per me è stato così. Questi ora sono ricordi di un passato relativamente recente che conservo nel cuore e rivivo guardando le fotografie. A cosa non sono pronta? A vederle diventare grandi. Beatrice quest’anno inizia la prima elementare e Ginevra comincia a parlarmi dei primi fidanzatini. Sarò in grado di consolarle quando avranno i primi “mali d’amore”? Sarò capace di aiutarle ad accettarsi per quello che sono? L’altro giorno Ginevra mentre si guardava allo specchio, mi ha detto: “Mamma, non mi piacciono le mie lentiggini. E quando sarò grande mi metterò il fondotinta che usi tu per nasconderle.” Io trovo che le sue lentiggini siano una parte di lei che la rendono ancora più unica e speciale.

Nei momenti in cui mi trovo in difficoltà con le parole chiedo aiuto ai miei preziosi amici e alleati: i libri. Allora ho preso una bella carta regalo nella quale ho avvolto il libro che sto per presentarvi e ho scritto a Ginevra un bigliettino: “Io amo ogni tua lentiggine. Amale anche tu. La tua mamma.”

Sfogliare insieme questo albo illustrato, è stato il punto d’inizio per una lunga chiacchierata mamma e figlia.

Un cielo di lentiggini inizio

Un cielo di lentiggini è un albo illustrato di piccole dimensioni, scritto da Inês D’Almëy e Alicia Baladan, edito in Italia da Settenove (2018). È stato tradotto dal portoghese da Lucia Angelica Salaris.

Settenove è una casa editrice marchigiana che nasce nel 2013 con un progetto dedicato alla prevenzione della discriminazione e della violenza di genere, vedendo nella diversità una risorsa in più. Settenove affronta questo tema attraverso diversi generi letterari, con una particolare attenzione alla narrativa per l’infanzia e l’adolescenza. È infatti importante proporre ai bambini modelli non discriminatori, in modo che possano crescere liberi da stereotipi e seguire le proprie più autentiche aspirazioni. Il nome e il logo della casa editrice esprimono bene l’obiettivo che si è posta e per capirne il significato vi consiglio di dare un’occhiata al suo sito www.settenove.it.

Le protagoniste di questo albo sono due bambine: Sofia e Camilla.

Nei di Camilla

Camilla ha le lentiggini e racconta alla sua amica che è stata la via lattea a posarsi su di lei trasformando le stelle in queste piccole macchie.

[…] Sofia viaggia tra le LENTIGGINI di Camilla.

Immagina dei NUMERI, uno per ogni lentiggine e poi, una alla volta, traccia le LINEE.

Le due bambine giocano con la fantasia, esplorando la loro pelle, e unendo le lentiggini di Camilla appaiono un orso, una volpe, un riccio, e un coccodrillo arrabbiato.

I nei di Sofia

Sofia ha tanti piccoli nei.

Trai i NEI di Sofia ci sono molti SENTIERI possibili.

Lei dice sempre che basta sceglierli, tracciarli e lasciarsi portare.

Questa volta è Camilla che esplora i nei di Sofia, creando una mappa che dal gomito va alla spalla, per poi attraversare su una barca a remi il mare della schiena. In questo viaggio tra i nei, Camilla incontra case con il tetto a pois, un coniglio bianco, una giostra di cavalli…

Il gioco che Sofia e Camilla amano di più è proprio esplorare l’una la pelle dell’altra, inventando storie ambientate in un cielo di lentiggini oppure decifrando una mappa che le guida tra un neo e l’altro.

Il testo breve e poetico, esprime pienamente lo stile dell’autrice che “ama la geografia poetica e pratica la scrittura come una forma di cartografia”. Inês D’Almëy ha fatto numerosi viaggi in Asia che le hanno permesso di sviluppare un approccio singolare al corpo, alla meditazione e alla natura.

Le immagini ampliano e completano il testo, e sono un invito ad andare oltre, a lasciarsi andare alla fantasia e viaggiare con l’immaginazione.

Gioco Un cielo di lentiggini

Finito di leggere l’albo si può continuare a viaggiare con la creatività con il gioco allegato al libro: 27 dischetti con un’immagine per ciascuna faccia. Le 54 immagini possono essere usate per inventare storie lasciandosi ispirare dalle figure disegnate.

Un libro che è qualcosa di più; è un invito ad accettarsi, ad amare se stessi e gli altri per quello che sono, a scoprire e scoprirsi, e per fare tutto questo si può trovare un’ottima alleata nella fantasia.

Una lettura adatta a partire dai 4 ai 99 anni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...