Biancoenero Calì

Storie nuove e divertenti per prime letture autonome… ad Alta Leggibilità

Alta Leggibilità quadrato

Quando i nostri bambini iniziano a leggere in autonomia, una delle difficoltà maggiori è quella di trovare testi che siano semplici e allo stesso tempo interessanti o divertenti. L’adulto deve proporre libri che aiutino il piccolo lettore a prendere coraggio nell’affrontare quest’importante e a volte difficile impresa che è la lettura autonoma. Un testo troppo complesso può scoraggiare da subito il bambino, mentre uno troppo banale rischia di annoiarlo e non dargli soddisfazione. Anche in questo caso possono esserci d’aiuto gli albi illustrati che fino a quel momento eravano noi a leggergli.Testi solitamente brevi, grandi immagini e storie appassionanti sono gli ingredienti dei buoni albi illustrati e quindi ecco i libri giusti per le prime letture.

A volte abbiamo bisogno però di qualcosa di più maneggevole e magari anche economico. Vi propongo allora i libri della collana Mini Zoom di Biancoenero Edizioni, adatti a partire dai sette anni.

Biancoenero è una casa editrice indipendente nata a Roma nel 2005. Lavora da sempre al progetto ad Alta Leggibilità, che consiste in precisi criteri linguistici e tipografici, in modo tale da rendere la lettura accessibile anche a chi ha specifiche difficoltà ma che in generale rende più agevole la lettura di tutti.

Ecco i titoli di questa collana che hanno accompagnato Ginevra nei suoi primi passi da “apprendista lettrice“. Vi svelo un’altra cosa… tutti i libri che vi sto per presentare hanno un denominatore comune (giusto per usare ogni tanto un termine matematico)… Riuscite a individuarlo?

Casa di riposo dei supereroi

La casa di riposo dei supereroi è scritto e illustrato da Davide Calì (Biancoenero, maggio 2016).

C’erano una volta i supereroi.

Ve li ricordate?

Gli anni passano anche per loro. Ora sono in pensione e vivono tutti in una casa di riposo che si chiama Villa Viale del Tramonto. Insieme ai buoni c’è anche il Dottor Nefasto, il cattivo della casa di riposo, ma anche i suoi poteri sono ormai solo un ricordo di gioventù. Intanto in città ci sono nuovi supereroi più giovani e un nuovo super-cattivo, Vortice, capace di assorbire i poteri di tutti. Siamo proprio sicuri che i vecchi supereroi siano ormai inutili? In realtà saranno proprio loro a sconfiggere Vortice con un’idea davvero geniale.

La casa di riposo dei supereroi interno

Il testo è accompagnato da qualche ballon e divertenti immagini stilizzate che rendono più leggera la lettura.

L’Accademia dei Supereroi (testo e illustrazioni di Davide Calì, Biancoenero Edizioni, ottobre 2018) vede i supereroi in pensione protagonisti di un’altra avventura.

Alla casa di riposo dei supereroi ci si annoia. Da un po’ di tempo delle animatrici intrattengono gli ospiti con attività come pallavolo, pittura, origami, danze caraibiche… Ma per chi era abituato a sconfiggere il crimine non c’è niente di più noioso. I supereroi in pensione decidono di aprire l’Accademia dei Supereoi per dare lezioni ai loro successori. I giovani però imparano attraverso altri canali, ad esempio internet. Dopo la delusione iniziale i vecchi supereroi hanno una super-idea. Scoprono così che nonostante l’età hanno ancora tanto da insegnare.

Rapina pugile Poseidon

La rapina del secolo è scritto e illustrato da Davide Calì (Biancoenero, maggio 2016). Cosa devono rubare il Furbo, Carlone e Luigino? La storia è raccontata in prima persona da Luigino, detto lo Svelto. Il Furbo è il capo, mentre Carlone è un “gigante goloso“.

Siamo ladri.

Ladri perbene però.

Mica ladruncoli che rubano alle vecchine per strada.

Questa volta hanno organizzato la rapina del secolo. Attraverso le fogne arrivano in un negozio di orologi ma non è quella la meta. Eccoli finalmente davanti una porta con la combinazione, come nelle cassaforti e una volta aperta trovano tanti… Vi lascio scoprire da soli cosa ruberanno. Una storia… golosa e divertente 😉

L’inaugurazione del Poseidon è scritto da Davide Calì, con le illustrazioni di Noemi Vola (Biancoenero, marzo 2017).

Poseidon

Il Poseidon è una nave enorme, il transatlantico più grande del mondo.

Il Poseidon porta:
900 passeggeri in prima classe,
800 in seconda,
700 in terza,
600 tra cani, gatti, scimmie, serpenti, tartarughe,
cocorite e pappagalli.

Insomma nel Poseidon c’è davvero di tutto e alla sua inaugurazione non manca nessuno. C’è anche Alberto Melis, giornalista di 32 anni, che dopo 10 bicchieri di spumante avverte un certo stimolo… deve fare la pipì. Ma dove sarà il bagno?

La dieta del pugile è una storia di Davide Calì, con le illustrazioni di Giulio Castagnaro (Biancoenero, maggio 2017).

La palestra Sport Internescional (si chiama proprio così) organizza un grande evento sportivo: un incontro di pugilato in 10 riprese tra Stuc e Pugno di Ferro. Subito dopo l’avviso, tra i due pugili iniziano le controversie. Se Stuc fa una cosa, Pugno di ferro deve farne un’altra più grande. Ovviamente come ogni sportivo professionista anche i due protagonisti di questa storia hanno una dieta studiata apposta per loro. Anche a tavola inizia una gara a… chi mangia di più. E così il giorno fissato per l’incontro i due pugili si troveranno… all’ospedale con una bella indigestione.

Nonno gigante e Grande Gin

Se vi racconto cosa ci è successo
stamattina, non ci credete.
Vabbè, ve lo racconto lo stesso.

Così inizia il libro Mio nonno gigante, scritto da Davide Calì, illustrato da Bruno Zocca (Biancoenero, febbraio 2018).

A casa della famiglia Brodino sono le sette e mezza e si trovano tutti intorno al tavolo per la colazione, o meglio quasi tutti, perché manca nonno-Brodino. Quando mamma-Brodino apre la porta della stanza del nonno si accorge che è successa una disgrazia: il nonno è diventato gigantesco ma lui sembra non rendersene conto. Una lettura divertente e dal ritmo veloce grazie ai numerosi discorsi diretti.

Il Grande Ginn è scritto e illustrato da Davide Calì (Biancoenero, marzo 2019).

Una mattina con il vento leggero,

che alla fine di marzo annunciava

la primavera, arrivò anche una notizia.

Il Grande Gin sarebbe tornato in paese.

Ginnasio Bonetti, detto Gin, ha lasciato il paese molti anni prima. Per qualcuno è andato in Australia, mentre per altri in America. Su una cosa sono tutti d’accordo: il ritorno di Gin merita un’accoglienza speciale. Nel paese ognuno cerca di preparare il miglior comitato di benvenuto e inizia così una gara fra tutti i cittadini. Ma siamo sicuri che la notizia del ritorno di Gin sia vera? 

Cornelius Holmes

Vi presento ancora un libro che appartiene però alla collana Maxi Zoom di Biancoenero Edizioni, dedicata ai lettori a partire dai dieci anni: Cornelius Holmes. Il caso del barboncino dei Baskerville, scritto da Davide Calì e illustrato da Sara Gavioli (ottobre 2017).

Cornelius era un ometto sulla cinquantina,

paffuto e piuttosto goloso.

Cornelius Athanasius Holmes vive in una camera in affitto in Baker Street, nel cuore di Londra ed è convinto di essere il discendente del celebre detective Sherlock Holmes; per questo motivo chiama il suo cane Watson. Quando Cornelius legge su una rivista del rapimento del cane della contessa di Baskerville (che in realtà è Bakerville, ma l’improvvisato detective è sempre molto distratto) è convinto di aver trovato il caso giusto per lui. Cornelius vede complotti ovunque e bevendo chinotto e mangiando dolcetti cerca di portare a termine l’indagine. E ci riuscirà ma ovviamente… a modo suo.

Il libro è diviso in capitoli e rispetta i criteri di Alta Leggibilità. Inoltre la storia è divertente e allo stesso tempo incuriosisce il lettore. Personalmente la trovo adatta anche prima dei dieci anni.

Avete capito cosa accomuna tutti questi libri, oltre al fatto di essere adatti alle prime letture? Va bene, ve lo svelo io… l’autore (in alcuni casi anche illustratore degli stessi) Davide Calì. Lo ammetto, ci piace molto.

Davide Calì è un fumettista e scrittore per ragazzi. Ha pubblicato più di 70 libri, tradotti in oltre 30 Paesi. Inoltre è art director di Book on a Tree, “una vera agenzia di storytelling che lavora da un’immaginaria casa sull’albero.”

Non mi resta altro che augurare… buona lettura a tutti i bambini che si avvicinano al mondo incantato della lettura autonoma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...