Le orme di papà evidenza

Le orme di papà: il tempo dell’attesa

Le orme di papà risguardo

Aspettare.

Il treno, l’autobus, un passaggio la mattina.

Una telefonata, un messaggio, una lettera da un amico lontano.

Tornare bambini e…

Aspettare.

Il proprio turno.

Il giorno del compleanno per festeggiare con gli amici, il Natale, la mamma che torna dal lavoro.

Il tempo dell’attesa è sempre un momento carico di emozioni, ancor di più quando si è bambini e la concezione del tempo che passa è ancora qualcosa di impreciso e troppo astratto. “Quanto manca?”, chiedono continuamente i più piccoli quando attendono con trepidazione qualcosa. E la nostra risposta è spesso: “Te l’ho detto appena un minuto fa.”

Le orme di papà inizio

 

Ecco allora un libro da leggere con i nostri bimbi per rendere più lieve un’attesa importante, e per aiutarli a condividere con noi le loro aspettative e i loro timori.

Le orme di papà è un albo illustrato scritto da Lorenza Farina, con le illustrazioni di Eleonora Pace, pubblicato da Il Ciliegio Edizioni (novembre 2019).

Ormai era quasi buio.

Arturo aveva tanto atteso quella vigilia di Natale.

[…]

“Mamma quando arriva papà?” chiese Arturo mentre l’ansia lo avvolgeva come  un velo nero.

Arturo e la mamma passano la vigilia di Natale aspettando il ritorno del papà. La casa è addobbata con candele rosse e agrifoglio, e il tepore del Natale la avvolge. La mancanza però si fa sentire con prepotenza, e i ricordi affiorano nelle loro menti. Il papà che prende in braccio la mamma e la fa volteggiare, il papà che salta con Arturo nelle pozzanghere e che lo aiuta a fare il bagno al suo orsetto di peluche.

“Chi uscirebbe di nascosto con me di notte a rincorrere le lucciole e a metterle in un bicchiere? Chi mi racconterebbe, prima di andare a letto, le storie all’incontrario, come solo papà sa fare?”

Le orme di papà fine

I momenti con il papà – forse perché più rari – sono impressi con ancora più intensità nella mente di Arturo. Appare l’immagine del papà che lo rincorre in giardino e che gli confida i suoi pensieri, per poi ascoltare con attenzione quelli del suo bambino.

Il tempo dell’attesa passa così, carico di ricordi e con la speranza di rivedere il papà in tempo per Natale affidata a una letterina che Arturo ha scritto a Gesù Bambino.

Caro Gesù Bambino…

Intanto il fuoco si spegne nel camino, la mamma dorme sul divano, e la letterina di Arturo scompare, alzata da un soffio del vento. In giardino appaiono delle grandi impronte di piedi sulla neve e la porta d’entrata si apre. Forse che… Vi lascio leggere il finale nel libro. Può Gesù Bambino non esaudire un desiderio così importante?

Le illustrazioni di Eleonora Pace occupano le doppie pagine. Un particolare realismo viene riservato ai volti di Arturo e della mamma, resi ancora più espressivi da un marcato gioco di luci ed ombre.

Un libro adatto a partire dai tre anni, capace di tener viva la speranza in tutti i bimbi che aspettano qualcosa o qualcuno.

Buona lettura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...