Proibito e Boy evidenza

I consigli della libraia: Proibito leggere e Storia di Boy

Proibito e Boy

Quando ho bisogno di distrarmi un po’, mi piace perdermi tra gli scaffali delle librerie. Sono momenti tutti per me, in cui mi lascio rapire dal colore delle copertine, l’odore della carta; mi entusiasmo guardando gli albi illustrati appena usciti, cercando di allenare lo sguardo per capire cosa vale la pena offrire davvero ai piccoli lettori. Mi piace poi spostarmi a esplorare il settore dei libri cartonati, per i piccolissimi, dove gli autori si sbizzarriscono in magistrali opere di cartotecnica seguendo la pista inaugurata da Munari. E man mano che le mie bambine crescono mi tuffo nei libri per “piccoli (ormai non più tanto) lettori esperti”.

La cosa più stimolante di queste escursioni è il confronto con le libraie (e librai), che svolgono il loro lavoro con professionalità e grande passione. Il contatto diretto fatto di scambi di esperienze, conoscenze e consigli, fa parte di quel bagaglio umano che gli acquisti online pian piano ci stanno portando via.

I consigli di Chiara, la mia libraia di fiducia, non mi hanno mai delusa. È sempre pronta con un sorriso e con qualche curiosa proposta di lettura.

Ecco allora gli ultimi due titoli che mi ha suggerito, adatti a partire dai dieci anni.

Storia di Boy

Storia di Boy è un libro scritto da Catherine Gilbert Murdock, con illustrazioni di Ian Schoenherr, tradotto da Roberto Serrai ed edito da Giunti, ottobre 2019. Le pagine color avorio dal bordo irregolare, ci danno l’idea di avere tra le mani un antico manoscritto segreto. La prima di copertina è attraversata da velieri, castelli, frati, cavalieri e un albero di mele circondato da animali.

Questa storia, proprio come un’altra, inizia con una mela. La mela del mio racconto non era matura, e non induceva in tentazione: era vecchia e tutta grinze, troppo in alto per coglierla e troppo testarda per cadere giù da sola.

Il racconto è in prima persona e a parlare è il protagonista: Boy.

“Non un ragazzo. Ragazzo. È così che mi chiamo.”

Siamo nell’Anno Santo 1350, un’epoca segnata da malattie come la peste bubbonica, guerre, carestie e pellegrinaggi verso la città di Roma, nella speranza di ottenere qualche grazia. I viaggi sono lunghi e pericolosi; si è alla mercé dei briganti e degli animali feroci. Come si scopre nel romanzo, le reliquie hanno un valore inestimabile, e sono importanti per la salute, il commercio, e la fama.

Ragazzo bada alle capre del maniero di sir Jacques, il suo padrone, e ha qualcosa di strano: non mangia, non è né maschio né femmina, parla con gli animali e ha la gobba. Un giorno incontra un pellegrino di nome Secundus e comincia con lui un avventuroso viaggio alla ricerca di sette reliquie. A cosa serviranno?

Costola, dente, pollice, stinco, polvere, teschio, tomba.

Prove da superare, imbrogli, pericoli e segreti. Secundus e Ragazzo si raccontano storie, si confidano vicende oscure della propria vita. Chi è davvero Secundus? E dove ha preso la chiave che apre tutte le serrature?

Il viaggio è sempre un elemento importante della vita di ognuno; lo troviamo nelle fiabe, nei racconti e nella vita vera. Lasciamo qualcosa di conosciuto per l’ignoto, che a volte fa paura, ci induce a tornare indietro. È solo proseguendo che si scopre il vero sé, la propria identità. Ed è proprio quello che succede a Boy; scopre di essere… Non vi svelo altro. 😉 Una lettura che tiene con il fiato sospeso.

Proibito leggere

Proibito leggere è un libro di Alan Gratz, con la traduzione di Elisa Caligiana, pubblicato da Mondadori, settembre 2019.

Tutto cominciò il giorno in cui il mio libro preferito sparì dalla biblioteca.

Non sapevo che fosse scomparso. Non ancora. Nella mia mente era lì, tutto solo sullo scaffale, come un bambino a un tavolo della mensa ad aspettare che la sua sola e unica amica andasse a cercarlo. Che io andassi a cercarlo.

Amy Anne ha 9 anni e frequenta la Shelbourne Elementary School. Ha due sorelle più piccole che occupano tutte le stanze della casa, e per avere un po’ di tranquillità Amy passa i pomeriggi in biblioteca a leggere. Il suo libro preferito è Fuga al museo di E. L. Konigsburg che ha già letto 13 volte e non si stanca mai di rileggere. Un giorno scopre però che quel libro insieme ad altri, è stato bandito dalla biblioteca scolastica perché ritenuto inappropriato da alcuni genitori.

Sono proprio le passioni più autentiche che molto spesso fanno emergere il nostro vero carattere. Amy Anne è molto timida e spesso non riesce a dire ad alta voce quello che pensa. Adesso però è arrivato il momento di difendere qualcosa in cui crede fermamente: il diritto alla lettura libera. Per prima cosa decide di consultare segretamente tutti i libri proibiti, e pian piano altri compagni si uniscono a lei. In poco tempo inizia così a gestire una Biblioteca dei Libri Banditi nel suo armadietto. Cosa succede se la preside viene a scoprirlo? L’unione fa la forza! Amy e i suoi amici hanno un piano B: trovare un “valido” motivo per bandire tutti i libri della biblioteca, proprio per mostrare l’assurdità della censura.

Anche in questo libro possiamo intravedere un viaggio, questa volta interiore della protagonista che da ragazzina timida riesce a vincere le proprie paure e incertezze e combattere per quello che ritiene importante.

Nella nota finale dell’autore scopriamo che ogni titolo bandito dal consiglio d’istituto in questa storia, è stato realmente censurato da una biblioteca americana almeno una volta negli ultimi trent’anni.

Una lettura che ci ricorda il valore della libertà, del diritto di scegliere, del privilegio di leggere.

Buona lettura!

2 pensieri su “I consigli della libraia: Proibito leggere e Storia di Boy

  1. Qualche giorno fa, in libreria, mi era caduto l’occhio proprio su Storia di Boy e mi aveva subito incuriosito… Purtroppo le mie figlie mi hanno subito distratto. Dopo le tue parole credo che tornerò in libreria a prenderlo molto presto … e lo leggerò subito io 😛 prima di regalarlo a mia figlia quasi diecenne!

    "Mi piace"

Rispondi a unamammanelpaesedeilibri Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...