Molly e la matematica

Molly e i misteri matematici – Editoriale Scienza

Molly casa editrice

Ogni volta che Beatrice deve fare i compiti di matematica si nasconde sotto il tavolo. Non c’è proprio niente da fare: questa materia non le piace. Ho cercato di spiegarle che alcune cose bisogna studiarle a memoria con un po’ di pazienza e di buona volontà, e poi ci siamo affidate ad alcuni libri di Editoriale Scienza. Vi avevo già presentato in un precedente articolo due libri molto divertenti, dove i bambini devono aiutare Sherlock Bones e la dottoressa Catson, rispettivamente un cane e un gatto, a risolvere rompicapi matematici per catturare un pericoloso criminale, il professor Moriratty. Sto parlando di Le indagini di Sherlock Bones. Addizioni e sottrazioni e Le indagini di Sherlock Bones. Tabelline (Editoriale Scienza, 2019).

Ho poi scoperto un altro titolo davvero entusiasmante: Molly e i misteri matematici di Eugenia Cheng e Aleksandra Artymowska (Editoriale Scienza, 2021).

Beatrice è rimasta incantata dal grande formato cartonato e dalla copertina colorata, e per un po’ ha studiato matematica… senza accorgersene.

Eugenia Cheng, l’autrice, è una matematica e pianista britannica. Ha conseguito un dottorato all’università di Cambdrige, e il suo obiettivo è quello di far superare la paura della matematica, usando spesso analogie con il cibo, la pasticceria, o altri elementi della vita quotidiana. Direi che fa proprio al caso… della mia piccola (ahimè, ormai non più tanto piccola) Bea. L’illustratrice, Aleksandra Artymowska, è una grafica e pittrice polacca, diplomata all’Accademia di Belle Arti di Varsavia. Come spiega nel suo profilo Instagram, i dettagli rappresentati in questo libro non sono solo un ornamento, ma hanno un ruolo importante come riferimento alle idee matematiche, e ogni pagina è in collegamento con le altre.

Che cosa ti viene in mente quando pensi alla matematica? Numeri ed equazioni? Beh, allora dovrai ricrederti…

In realtà la matematica ti porta a esplorare le idee e usare l’immaginazione. È un sistema per capire il mondo… o per rendere possibili cose che sembrano impossibili!

Pagina dopo pagina il lettore deve accompagnare Molly, la protagonista del libro, in uno strano mondo, dove niente è come sembra. Per farlo bisogna risolvere una serie di indizi, aprire finestrelle, osservare con attenzione le immagini, e utilizzare l’immaginazione.

Il libro è composto da dieci scenari interattivi con stanze al rovescio, scale impossibili, giardini labirintici, porte infinite, forme geometriche nascoste, biblioteche in disordine, frutteti di frattali e molto altro. Con un approccio creativo, i bambini possono sperimentare alcuni importanti concetti come gli opposti e gli inversi, le dimensioni, vari tipi di simmetrie, il quadrato latino, le combinazioni…

Beatrice si è persa insieme a Molly nel labirinto, per poi trovare la strada giusta trasformando l’esagono in un triangolo, si è divertita a girare la ruota di carta e a cercare la farfalla con le decorazioni asimmetriche.

Un libro – adatto dagli 8 anni – consigliato a tutti quei bambini che vogliono provare a scoprire il lato divertente della… matematica.

Buona lettura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...