Verdure arrabbiate evidenza

Verdure arrabbiate di Claudio Gobbetti e Diyana Nikolova – Sassi Junior

Verdure arrabbiate

“A tavolaaa! Se non venite subito, la cucina chiude!”

“Ma mamma! Sta quasi finendo il nostro cartone preferito. È una puntata nuova. E poi, cosa c’è per cena?”

Ehm, ecco la domanda che temo di più: “Cosa c’è per cena?”

Quando Ginevra e Beatrice vedono qualcosa di verde nel piatto, iniziano le discussioni. In effetti anche con il rosso dei peperoni, o il viola delle melanzane, non è che le cose vadano meglio. Forse non è un problema di gradazioni cromatiche ma… di verdure.

Continua a leggere…

Clara Kombinadisastri copertina

Clara Kombinadisastri di Giulio Freschi e Tatyana L’Astorina – L’Orto della Cultura

Clara Kombinadisastri cane

“Or che i sogni e le speranze
si fan veri come fiori,
sulla Luna e sulla Terra
fate largo ai sognatori!”

Nella filastrocca “Sulla Luna”, il grande Gianni Rodari ci esorta a non mandare sulla Luna un generale, e neppure un banchiere o un ministro, perché la trasformerebbero in qualcosa di anonimo, e utile solo ai propri scopi personali.

Continua a leggere…

Panda e Pandino evidenza

Panda e Pandino cosa fanno? di Satoshi Iriyama – Terre di Mezzo Editore

Panda e Pandino cosa fanno?

Dopo Pandino cosa fa? di Satoshi Iriyama (Terre di Mezzo, gennaio 2019), ecco in libreria una nuova uscita, dove il piccolo panda non è più solo.

Panda e Pandino cosa fanno? è un libro dal formato quadrato, scritto e illustrato da Satoshi Iryama e tradotto come il precedente da Annalisa Lombardo; è uscito a gennaio 2020 per Terre di Mezzo Editore. Entrambi i libri coinvolgono attivamente il bambino invitandolo a sperimentare varie posizioni del corpo, imitando le forme. Nel primo libro Pandino diventa un tulipano, una banana, una trottola, un aereo, una polpetta di riso, un razzo, e alla fine rotola fino ad arrivare tra le braccia della mamma.

Continua a leggere…

Trisnonna Clementina evidenza

La trisnonna Clementina e la Risiera di San Sabba – Bora.La

Trisnonna Clementina

“Mamma, ma è una storia vera?”, mi ha chiesto Beatrice (6 anni) appena abbiamo finito di leggere insieme il libro.

“Sì, lo è. E sono fatti accaduti nella nostra città, Trieste.”

Non è la prima volta che affronto con mie figlie temi sociali e storici complessi, forti, drammatici. In queste occasioni, i libri diventano strumenti che racchiudono nelle loro pagine informazioni e riflessioni che ci aiutano a costruire idee e ideali. I libri belli sono capaci di fare questo valorizzando allo stesso tempo anche l’estetica e facendosi portatori d’arte.

Continua a leggere…